Tecniche per eseguire un trapianto di capelli

Lug 29, 2015

0

Tecniche per eseguire un trapianto di capelli

Posted in : trapianto capelli, Uncategorized on by : Elisabetta G

La perdita dei capelli è una cosa che colpisce tutti uomini soprattutto ma anche donne e dipende da svariate cause e può portare a conseguenze differenti. È possibile una perdita totale o parziale dei capelli e  a seconda del problema esistono vari e differenti metodi di medicina estetica per risolverlo. Infatti la perdita dei capelli può provocare notevoli effetti negativi sulla psiche di una persona che vede in pratica una modificazione del proprio corpo non desiderata e si vede in modo negativo e questo influisce anche sulla sua vita sociale. I metodi più utilizzati per risolvere il problema della calvizie oggi consistono nel trapianto capelli. I capelli si prelevano dalle zone del capo in cui sono presenti e folti e procedendo con un rinfoltimento poi nelle zone in cui sono invece assenti.

Esistono differenti tecniche oggi che si possono eseguire per il trapianto dei capelli, le più note sono: la Follicolar Unit Transplantation (FUT) e la Follicolar Unit Extraction (FUE).

La prima tecnica consiste nel prelievo di una striscia di cuoio capelluto dalla zona donatrice ovvero quella in cui sono presenti molti capelli. La striscia ha solitamente una larghezza di meno di un millimetro e può essere facilmente nascosta  avendo anche i capelli molto corti. Dalla striscia il chirurgo asporta successivamente le singole unità follicolari che andranno successivamente impiantate nelle zone riceventi. Questa tecnica consente oggi di avere tempi inferiori fra asportazione e impianto, che si fanno in pratica in simultanea garantendo  una riuscita migliore di crescita e un risultato molto naturale e senza cicatrici. La tecnica FUE invece prevede un prelievo diretto delle singole unità follicolari ed è molto più semplice da effettuare , ma può presentare alcuni problemi come  la bassa percentuale di capelli che attecchiscono,e la presenza di piccole cicatrici alla fine sul cuoio capelluto. Con questa tecnica inoltre può capitare  di non prelevare perfettamente l’unità follicolare e magari anche di danneggiarla durante il prelievo.

Nella tecnica Hair Surgery Division (HSD) invece si prelevano  le singole unità follicolari mediante uno specifico strumento microchirurgico, un microago chiamato Trilix. L’asportazione avviene eseguendo un taglio inclinato per non danneggiare il bulbo pilifero della nuca. Il taglio risulta quasi inesistente, i fori si cicatrizzano in maniera molto veloce e non lasciano alcun segno residuo evidente. Nella zona ricevente ovvero quella in cui si deve effettuare il rinfoltimento si effettuano delle micro incisioni dove andranno posizionati i bulbi asportati. L’impianto prevede che vengano posizionate le singole unità follicolari all’interno dei micro fori  creati precedentemente. I fori risultano molto piccoli,e  la cicatrizzazione è  rapida e indolore. I capelli asportati con questa tecnica vengono prelevati da zone molto folte e quindi i capelli trapiantati non sono soggetti ad una successiva caduta. Anche se i capelli vengono posizionati in zone invece dove il rischio di caduta è evidente, il tessuto intorno al follicolo consente di conservare il metabolismo del capello che viene dalla zona ricevente .

Lascia un commento