Dottore, voglio rifarmi il seno!

Feb 11, 2015

0

Dottore, voglio rifarmi il seno!

Posted in : Mastoplastica, Uncategorized on by : Elisabetta G

Quanto è importante, in una donna, la dimensione del proprio decolleté, da esibire e mostrare in svariate occasioni, semplicemente per dare maggior voce a quella femminilità, potenziata, aumentata, ritrovata dopo un aumento delle dimensioni del seno.
Il seno si presenta come una struttura anatomica complessa e, per tale motivo, prima di procedere a interventi, è fondamentale valutare caso per caso, nella sua specificità.
Prima, dunque, di arrivare a soluzioni estreme, derivate da influenze da modelli del mondo dello spettacolo e da falsi miti che portano, evidentemente, ad un abbassamento dell’autostima, è di estrema importanza recarsi da uno specialista per una consulenza, per ottenere informazioni accurate e personalizzate.
La chirurgia estetica del seno è uno dei settori più importanti della branca della medicina e le mammelle, da sempre, rappresentano una zona al alto interesse estetico, poiché assimilato al simbolo massimo della femminilità, quella parte che caratterizza il corpo delle donne, aumentandone i caratteri di sensualità come i glutei dove si eseguono interventi di liposuzione invece.
Lo scopo di questo settore della medicina è di riportare armonia e serenità nel paziente, partendo dal presupposto della bellezza del seno, per ottenere il giusto equilibrio fisico e mentale, senza eccessi.
Le componenti anatomiche che vengono coinvolte nella chirurgia del seno sono la ghiandola mammaria, il tessuto cutaneo, il complesso areola capezzolo, i dotti galattofori ed il tessuto adiposo.
Lo specialista deve prendere in considerazione aspetti principali nel momento in cui si prefissa di intervenire con un’operazione di chirurgia estetica al seno: la dimensione della massa, vale a dire il volume del seno e la ptosi, o rilassamento della mammella.
La chirurgia estetica può intervenire con l’aumento o la riduzione il volume della massa mammaria, attraverso un’operazione chiamata mastoplastica additiva; ciò avviene nei casi in cui vi è un seno poco sviluppato (ipoplasia mammaria), un seno piccolo (in questo caso varia molto da paziente a paziente), un seno “svuotato” (in seguito a dimagrimento o allattamento).Gli uomini spesso fanno interventi di addominoplastica.
Nei casi in cui, la paziente disponga di un seno eccessivamente sviluppato o dichiarato troppo grande, compito dello specialista sarà di ridurre la massa per mezzo dell’intervento di riduzione mammaria, eliminando eccessi cutanei, adiposi e ghiandolari.
È difficile definire quale sia la misura giusta per il proprio sennò, poiché non ne esistono di universale: la dimensione, se così si può definire “corretta”, si adatta armonicamente alla propria estetica natura ed alla struttura del corpo.
Purtroppo, come già si affermava inizialmente, l’intervento, spesso, è frutto dei dettami della moda e delle tendenze del momento, e molte ragazze adolescenti dimenticano un aspetto cruciale e di grande rilevanza del discorso nel suo complesso: il risultato dell’intervento è permanente e, per tale motivo, è fondamentale non limitarsi ai gusti di oggi, ma fare riferimento al buon senso estetico, quest’ultimo immortale accompagnatore dell’intera esistenza dell’essere.

Lascia un commento